Le Qualità Più Importanti Che Ogni Buon Venditore Deve Avere

    di , il 10 feb 2021

    Ti sei mai chiesto quali strategie metti in atto quando vendi a un cliente in negozio?

    Quali sono le più importanti qualità che deve avere un venditore?

    Ogni negoziante vende in modo diverso. Ognuno si regola sulla base del tipo di clientela, delle proprie predisposizioni personali, persino dei propri valori o di quelli del proprio brand. Questo know-how ha un altissimo valore. Molti esperti concordano nell’affermare che sia proprio il «saper fare» del negoziante con il cliente a spingere le persone a preferire un acquisto offline rispetto a uno online.

    Dietro ogni strategia di vendita ci sono delle regole universali che tutti i più grandi venditori mettono in pratica. Queste regole sono fondate su pochi e semplici principi base della psicologia.

    Noi di Prezzo.it abbiamo consultato le fonti più autorevoli in materia e messo insieme una classifica delle principali capacità che deve avere chiunque abbia a che fare con un cliente, e nello specifico chi, in una piccola attività, si occupa della vendita.

    OGNI NEGOZIANTE SA COSA FUNZIONA CON I PROPRI CLIENTI. EPPURE STRATEGIE DI VENDITA DIVERSE POGGIANO SUGLI STESSI PRINCIPI BASE

    Vuoi sapere quali sono e soprattutto .. controllare di averle tutte? Continua a leggere!

    #1 L’EMPATIA

    La parola empatia viene dal greco en (dentro) + pathos (sofferenza o sentimento), quindi «sentire dentro»: è l’abilità di «sentire dentro di sé il sentimento di un altro». Per estensione, si utilizza nel significato di «comprendere lo stato d’animo altrui».

    Perché è importante?

    Perché un cliente che si sente capito si rilassa e abbassa le barriere all’acquisto.

    Come metterla in pratica? 

    Nota i segnali non verbali: il linguaggio del corpo del cliente, l’espressione, i suoi vestiti, se ha uno zaino o una borsa ecc.

    Mostrati comprensivo evitando di portare l’attenzione su di te. Per esempio, se il cliente si lascia andare a una lamentela come Sono stufo di fare il bucato per tutta la famiglia!, una buona risposta è La capisco! Fare il bucato è davvero un bell’impegno, invece di La capisco! Io per fare prima uso sempre l’asciugatrice.

    Ascolta, ascolta, ascolta …

    #2 L’ASCOLTO ATTIVO

    L’ascolto attivo è la capacità di ascoltare e di rispondere all’ascolto in maniera appropriata.

    Perché è importante?

    Un cliente che si sente ascoltato è un cliente che comunica meglio i suoi bisogni. Se conosci i suoi bisogni, potrai proporgli i prodotti più adatti a cui non saprà resistere.

    Come metterlo in pratica?

    Lascia parlare il cliente, senza sommergerlo di consigli e senza «tappare i buchi» di silenzio.

    Ripeti con parole tue quel che il cliente ti comunica (senza ovviamente sembrare un pappagallo!). Questo gli darà la «prova materiale» che lo stai ascoltando.

    Fai domande. Se il cliente non lo gradisce, lo capirai subito; nella maggior parte dei casi, però, alle persone piace parlare di sé – sarà una via di accesso alla loro psicologia!

    #3 L’AUTOREVOLEZZA

    L’autorevolezza è la capacità di segnalare agli altri la propria esperienza e preparazione – per esempio, la conoscenza della moda per il titolare di un negozio di abbigliamento.

    Perché è importante?

    La possibilità di farsi consigliare da un esperto è uno dei motivi principali per cui un cliente può preferire un negozio fisico rispetto a un acquisto online. E’ un’occasione che non va sprecata!

    Come metterla in pratica?

    Rimani aggiornato sulle novità del tuo campo.

    Segnala al cliente la tua competenza dando delle «pillole di informazione». Per esempio, a un cliente in cerca di un vestito da sera, puoi iniziare i tuoi consigli segnalando l’ultima passerella a cui hai assistito online.

    Per oggi è tutto! Ti sei riconosciuto in qualcuna di queste abilità? Pensi di poter migliorare in altre? C’è qualcosa che già praticavi magari inconsciamente, ma che chiamavi con un altro nome? Condividilo al PrezzoBar!